lunedì 2 marzo 2015

Recommendation Monday - Consiglia un libro il cui titolo contenga un nome proprio di persona



Buon inizio settimana ragazzuoli!!! Eccoci ad una nuova puntata della fragolosa rubrica Recommendation Monday ideata dal blog "Una fragola al giorno" che per oggi ci chiede:



"  Consiglia un libro il cui titolo contenga un nome proprio di persona  "






Malena è una ragazza timida e insicura ma anche appassionata e sensuale, in perenne conflitto con se stessa e ossessionata dal confronto con la sorella Reina, freddo modello di perfezione. Malena decide di scavare nel proprio passato avventuroso e convulso per scoprire le ragioni del proprio destino e riuscire ad accettarlo, risalendo poi ancora più indietro lungo i percorsi della storia della sua famiglia, sino agli albori del novecento.  Alla fine capirà che l'unica maledizione è il sesso e l'unica colpa avere il coraggio di viverlo. Sullo sfondo la sofferta storia di una Spagna martoriata e desiderosa di riscatto.


domenica 1 marzo 2015

52Weeks Project 2015: week #9 BODY PART


407876_2968557461412_877223018_n


Rieccomi finalmente con un nuovo post fotografico per il 52 Week Project! Il tema di questa settimana è : body parts

E mi è subito venuto in mente questo scatto di qualche tempo fa, in cui compare il mio piedino e le zampone del mio cucciolone nero! Pesa quasi 50 kg ed è più alto di me, ma ancora si sente un cuccioletto e cerca continuamente il contatto con noi! Red heart




Banner:

venerdì 27 febbraio 2015

Poeticando... 19#

Felice venerdì a tutti voi che passate da queste parti!! Oggi la nuova puntata di poeticando ci porta dritti dritti nella storia della letteratura inglese! Il poeta che ho scelto oggi è John Donne e l'ho conosciuto qualche anno fa grazie all'esame di Letteratura Inglese dell'Università. Visse in contemporanea a Shakespeare e le sue poesie e sermoni sono caratterizzati da un'incisività e una schiettezza insolita per quei tempi! La poesia (che in realtà è  un sermone) ispirò Hemingway per uno dei suoi più celebri romanzi.

Nessun uomo è un isola
Nessun uomo è un'Isola,
intero in se stesso.

mercoledì 25 febbraio 2015

Cercando Alaska - John Green

Trama:                


Miles Halter, sedici anni, colto e introverso, comincia a frequentare un'esclusiva prep school dell'Alabama. Qui lega subito con Chip, povero e brillantissimo, ammesso alla scuola grazie a una borsa di studio, e con Alaska Young, divertente, sexy, attraente, avventurosa studentessa di cui tutti sono innamorati. Insieme bevono, fumano, stanno svegli la notte e inventano scherzi brillanti e complicati. Ma Miles non ci mette molto a capire che Alaska è infelice, e quando lei muore schiantandosi in auto vuole sapere perché. È stato davvero un incidente? O Alaska ha cercato la morte?

   "Ama l'imperfetto prossimo tuo con l'imperfetto tuo cuore"      
La mia seconda esperienza con John Green si è rivelata totalmente positiva rispetto alla prima (con Will ti presento Will) e mi è sembrato doveroso dovervelo comunicare qui sul blog, visto che molti di voi mi hanno confermato di essere titubanti riguardo l’autore dopo la mia recensione precedente. Perciò, se volete conoscere John Green, buttatevi direttamente su questo romanzo e non ve ne pentirete!
      

     La storia è carina, i personaggi assolutamente adorabili (impossibile non affezionarcisi) e lo stile è credibile ed equilibrato. Abbiamo un inizio abbastanza scanzonato, in cui vediamo il giovane Miles alle prese con la nuova vita al Campus: cavarsela da solo, trovarsi degli amici, organizzare lo studio e lo svago, le prime sigarette, le prime sbronze (quanto vino e vodka in quei piccoli corpi!!) e i primi batticuori.. fin qui tutto normale, è quello che ci si aspetta in un romanzo del genere. 
 

martedì 24 febbraio 2015

Il gioco dell’angelo–Carlos Ruiz Záfon



Nella tumultuosa Barcellona degli anni Venti, il giovane David Martín cova un sogno, inconfessabile quanto universale: diventare uno scrittore. Quando la sorte inaspettatamente gli offre l'occasione di pubblicare un suo racconto, il successo comincia infine ad arridergli. È proprio da quel momento tuttavia che la sua vita inizierà a porgli interrogativi ai quali non ha immediata risposta, esponendolo come mai prima di allora a imprevedibili azzardi e travolgenti passioni, crimini efferati e sentimenti assoluti, lungo le strade di una Barcellona ora familiare, più spesso sconosciuta e inquietante, dai cui angoli fanno capolino luoghi e personaggi che i lettori de "L'ombra del vento" hanno già imparato ad amare. Quando David si deciderà infine ad accettare la proposta di un misterioso editore - scrivere un'opera immane e rivoluzionaria, destinata a cambiare le sorti dell'umanità -, non si renderà conto che, al compimento di una simile impresa, ad attenderlo non ci saranno soltanto onore e gloria.



Diamo con enorme piacere il bentornato a Carlos Ruiz Zafon nella mia biblioteca! Ho letto questo romanzo con entusiasmo crescente, ritrovando quello stile che tanto avevo amato ne L’ombra del vento e in Marina.
Indubbiamente la cosa che preferisco è proprio lo stile di scrittura di Zafon: in poche pennellate riesce a dipingerci una Barcellona insolita, cupa, decadente e piena di mistero; con poche frasi caratterizza in modo estremamente sfaccettato i suoi personaggi, mai piatti ma anzi ricchi di contraddizioni interne (per dire, anche il cattivo più cattivo è capace di provare compassione o affetto verso una sua vittima…)
           

domenica 15 febbraio 2015

Poeticando... 18#


Nuovissima puntata della rubrica poeticosa del blog! Oggi vi riporto una poesia del famoso romanziere Rudyard Kipling, lo scrittore de Il libro della giungla . A quanto pare non scrisse solo narrativa ma anche delle fantastiche poesie: questa è una delle mie preferite!

Se 


Se riesci a conservare il controllo quando tutti

 Intorno a te lo perdono e te ne fanno una colpa; 
Se riesci ad aver fiducia in te quando tutti 
Ne dubitano, ma anche a tener conto del dubbio;
Se riesci ad aspettare e non stancarti di aspettare, 
O se mentono a tuo riguardo, a non ricambiare in menzogne,
O se ti odiano, a non lasciarti prendere dall'odio,
E tuttavia a non sembrare troppo buono e a non parlare troppo saggio;

Se riesci a sognare e a non fare del sogno il tuo padrone;
Se riesci a pensare e a non fare del pensiero il tuo scopo;
Se riesci a far fronte al Trionfo e alla Rovina
E trattare allo stesso modo quei due impostori;
Se riesci a sopportare di udire la verità che hai detto
Distorta da furfanti per ingannare gli sciocchi
O a contemplare le cose cui hai dedicato la vita, infrante,
E piegarti a ricostruirle con strumenti logori;
Se riesci a fare un mucchio di tutte le tue vincite
E rischiarle in un colpo solo a testa e croce,
E perdere e ricominciare di nuovo dal principio
E non dire una parola sulla perdita;
Se riesci a costringere cuore, tendini e nervi 
A servire al tuo scopo quando sono da tempo sfiniti,
E a tener duro quando in te non resta altro
Tranne la Volontà che dice loro: "Tieni duro!".
Se riesci a parlare con la folla e a conservare la tua virtù,
E a camminare con i Re senza perdere il contatto con la gente,
Se non riesce a ferirti il nemico né l'amico più caro,
Se tutti contano per te, ma nessuno troppo;
Se riesci a occupare il minuto inesorabile 
Dando valore a ogni minuto che passa,
Tua è la Terra e tutto ciò che è in essa,
E - quel che è di più - sei un Uomo, figlio mio!

lunedì 9 febbraio 2015

Recommandation Monday - Consiglia un libro in cui un personaggio abbia il tuo nome


Buon inizio settimana cari carissimi lettori!!!
Oggi il consiglio del Lunedì prevede :


      " Consiglia un libro in cui uno dei personaggi porta il tuo nome (nelle sue varianti linguistiche) o uno dei tuoi nomi preferiti "    







Il mio nome completo è Maria Elena e non è proprio facilissimo trovare una personaggio con questo nome, ma mi sono ricordata di questo romanzo di D'Annunzio in cui sono presenti due donne, Maria ed Elena, e mi è sembrato perfetto!!
Essendo un classico della letteratura non è certo una lettura facile e immediata ma, se si riesce a entrare in sintonia con il linguaggio e con lo stile dell'autore, leggerlo diventa un'esperienza splendida e singolarissima.



Le ambizioni e le contraddizioni di Andrea Sperelli sono al centro di questo che è il primo romanzo dannunziano. Nella Roma umbertina, estetizzante e mondana, il protagonista di quest'opera vive una duplice storia d'amore, diviso fra la sensuale Elena e l'angelica Maria, e finirà per perdere entrambe a causa di una paralizzante immobilità e una congenita incapacità ad agire. Pubblicato nel 1889 presso Treves, il romanzo offriva, con il personaggio di Andrea Sperelli, un modello i cui comportamenti eccezionali ben rispecchiavano gli ideali estetici dominanti. Le sottili analisi psicologiche e la sostanziale inettitudine del protagonista contribuivano anch'esse a inserire l'opera nell'orizzonte del grande romanzo decadente moderno.


E voi? Avete mai letto un libro in cui il protagonista (o un personaggio marginale) avesse il vostro stesso nome?? Racocntatemelo, sono proprio curiosa!!

Un abbraccio! 

Post simili:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...