Perdersi (Still Alice) - Lisa Genova



Alice ha lavorato sodo per raggiungere i suoi obiettivi e ora, a quasi cinquant'anni, sente di avercela finalmente fatta. Dopo anni di studio, di notti a base di caffè e libri di psicologia, ha coronato il suo sogno, è una scienziata di grido, insegna ad Harvard e viene chiamata dalle più prestigiose università per tenere conferenze. E poi c'è il suo più grande orgoglio, la famiglia: il marito John, un brillante esperto di chimica, che non riesce a trovare gli occhiali neppure quando li indossa, e i loro figli, Anna, Tom e Lydia, tutti e tre realizzati, anche se ognuno a modo suo. All'improvviso, però, tutto cambia. All'inizio sono solo piccole dimenticanze: una parola sulla punta della lingua che non riesce a ricordare, gli orari delle lezioni, il numero di uova nella ricetta del pudding natalizio, quello che prepara da più di vent'anni. E poi un giorno, dopo il giro di jogging quotidiano, Alice si ritrova in una piazza che è sicura di conoscere ma che non sa dove si trovi. Si è persa, a pochi metri da casa. Qui comincia il suo viaggio tra le corsie d'ospedale, a caccia del male che sta cancellando i suoi ricordi. Quando le viene diagnosticato l'Alzheimer precoce, tutto ciò in cui Alice ha sempre creduto pare sgretolarsi, il mondo intorno a lei sembra sfuggirle ogni giorno di più.

Un libro veramente emozionante e bellissimo.

Attraverso gli occhi di Alice viviamo passo passo la sua vita dopo la scioccante diagnosi di Alzheimer. La quotidianità diviene una successione di piccole sfide da vincere ogni giorno, e cose che all'inizio sembravano scontate, diventano pian piano sempre più difficili e insormontabili. Quanto siamo disposti a perdere di noi stessi prima di arrenderci e non riconoscerci più? Dove risiede l'amore per i propri cari? Nel cuore o nel cervello? E se dimenticassimo il loro nome o il loro volto, riconosceremmo comunque in loro una persona amata?
Alice ha un carattere e una forza sorprendenti, e dopo lo shock iniziale  alla scoperta della diagnosi, si riscuote e decide di lottare e di non farsi sopraffare dalla malattia, "io non sono l'alzheimer, io sono la stessa persona di sempre, ma affetta dal morbo di Alzheimer", chiederà aiuto alla propria famiglia e troverà un grande sostegno soprattutto dalle sue figlie femmine, compresa Lydia, la più piccola e quella con cui aveva avuto sempre un rapporto conflittuale. I suoi stratagemmi e la sua esperienza accademica la aiutano a non affondare nel dramma e per quanto sappiamo che il declino è inarrestabile, non troviamo mai commiserazione o frasi strappalacrime, molto comuni in altri romanzi di questo tipo (e che non sopporto!).

Lo stile e la prosa di Lisa Genova ci trascinano con garbo e sensibilità nella vita quotidiana della famiglia Howland, e l'incalzare degli eventi ci porta a non voler posare il libro finché non è finito, e anche una volta posato i suoi interrogativi continuano a venirci in mente e a farci riflettere sulla nostra vita e quella dei nostri cari.

Io sono un po' ipocondriaca e a ogni distrazione, lapsus e dimenticanza so che correrò immediatamente con la memoria ad Alice e al suo Alzheimer presenile. Se dovesse capitarmi, spero di essere forte e in gamba come lo è stata lei e rimanere fedele a me stessa il più a lungo possibile.

Da questo libro è stato tratto qualche anno fa il film Still Alice, che ha portato Julianne Moore a vincere l'Oscar come miglior protagonista femminile. Io ancora non l'ho visto ma lo cercherò al più presto, ne ho sempre sentito parlare benissimo!


TRAMA:                  8
STILE:                    9
COPERTINA:          4,5
PERSONAGGI:       10

Commenti

  1. io ho visto il film, senza aver letto il libro.
    il film è molto molto emozionante :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Immagino!! La Moore mi è sempre piaciuta come attrice e questo libro si presta benissimo a un alto tasso di partecipazione emotiva!!

      Elimina
  2. Anche io ho visto il film e non sapevo esistesse il libro (anche se è quasi sempre così). La pellicola è stata davvero molto intensa e la Moore è stata meravigliosa!
    -Aranel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Wow, ora ho ancora più voglia di vedere il film!!! Grazie Araneln :*

      Elimina
  3. Ho visto il film, tra l'altro splendido, quindi posso solo immaginare quanto il libro lo sia stato di più.
    Bellissima recensione...complimenti!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Debby!!! Spero di vedere presto il film!

      Elimina
  4. Finalmente ho scovato questo blog! Sono arrivata qui da appena tre secondi e già mi sono fatta conquistare dal tuo stile fresco, non arzigogolato, che va dritto al punto.
    Ho divorato questo libro, qualche anno fa, una sera dopo l'altra, prima di andare a dormire (allora stavo studiando per l'esame di stato, caspita come vola il tempo!). A tenermi compagnia, uno strategico pacchetto di fazzoletti.
    "Perdersi" (sì, anch'io l'ho letto quando lo stampavano ancora con questo titolo, prima dell'uscita del film) è un libro che ti spacca il cuore, che ti entra sottopelle, che si adora ... e basta.
    Ho aspettative molto alte per il film, che no, non ho ancora visto, e se Alice non avesse avuto il volto di Moore probabilmente avrei avuto i miei dubbi sulla sua riuscita.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosa, che piacere averti qui!!! Anche io ho scoperto il tuo blog solo qualche giorno fa e mi sono subiot unita ai follower!!
      Hai proprio ragione, è un libro che rimane dentro a chi lo legge, ancora non me ne sono totalmente distaccata, ci penso spesso!!

      Non vedo l'ora di vedere il film, e in particolare la parte in cui Alice parla al convegno sull'Alzheimer! *_* Sono pronta a commuovermi come poche volte mi capita!!!

      Elimina
  5. Questo libro lo voglio assolutamente leggere! Immagino già quanto sia profondo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Profondo e veritiero... Ho già preso altri due libri della stessa autrice, sono molto curiosa di leggere altre sue opere, la trovo parecchio in gamba!!!

      Elimina
  6. Non l'ho ancora letto, perché faccio fatica ad avvicinarmi a questo argomento. Ho letto tante belle recensioni, ma credo di dover essere nel mood giusto per affrontare il romanzo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È un libro che fa riflettere molto sulla vita e su come una diagnosi inaspettata può cambiarcela, perciò sono d'accordo con te sul fatto che bisogna essere nel momento giusto per poterlo leggere!! Spero che lo farai presto comunque, sono sicura che ti conquisterebbe!

      Elimina
  7. Complimenti per le tue parole ben scritte, mi hai emozionata...e grazie per aver votato questo nella mia iniziativa, spero sinceramente vinca.
    Nel caso non fosse così, lo metterò presto in tbr, è molto amato da chiunque lo abbia letto. Baci Cuore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao cara Cuore!! Sono contenta che le mie parole ti abbiano colpito, il merito è tutto del libro, certo, il tema è drammatico ma non cerca di commuoverti a tutti i costi, pur riuscendoci!! Credo sia per questo che sia amato da tutti quelli che lo abbiano letto, ed è impossibile non affezionarsi ad Alice e alla sua forza d'animo!!

      Elimina
  8. Sono davvero contenta che il libro ti sia piaciuto :) il film l'avevo notato quando era uscito e il libro mi incuriosiva ancora di più :) adesso sono sicura di volerlo leggere!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sono certa che il romanzo conquisterà anche te!!

      Elimina
  9. Ciao
    ho visto il film e mi è piaciuto molto, ho anche il libro.

    RispondiElimina

Posta un commento

Grazie per aver letto fino a qui! Se mi lasci un commento sarò felicissima di leggerlo ^_^

Post popolari in questo blog

5 cose che...5 canzoni del cuore

Fiore di fulmine - Vanessa Roggeri