lunedì 25 maggio 2015

Recommendation Monday :: Consiglia un libro che ti ha fatto piangere


*Banner*

Buon lunedì cari amici!! Oggi il post sarà velocissimo perchè ho davvero un sacco di cose da fare, ma non è lunedì senza la Recommendation Monday, giusto???


    *  Consiglia un libro che ti ha fatto piangere   *  


Ecco, io non è che sia molto sentimentale quando leggo, o anche guardando un film, è molto difficile che mi metta a piangere e singhiozzare. Però alcuni libri sono capaci di rendermi gli occhi lucidi e farmi tirare un po' su col naso, e il romanzo che vado a consigliarvi è uno di questi: leggendolo ora, dopo che due mesi fa ho dovuto salutare per sempre un amico d'infanzia, probabilmente mi farebbe più effetto... Ma vi voglio consigliare questo libro perché è anche molto positivo e ottimista.


Cosa faresti se mancassero cento giorni alla tua morte? 
Non a tutti è concesso di sapere in anticipo il giorno della propria morte. Lucio Battistini, quarantenne ex pallanuotista con moglie e due figli piccoli, invece lo conosce esattamente. Anzi, la data l'ha fissata proprio lui, quando ha ricevuto la visita di un ospite inatteso e indesiderato, un cancro al fegato che ha soprannominato, per sdrammatizzare, «l'amico Fritz». Cento giorni di vita prima del traguardo finale. Cento giorni per lasciare un bel ricordo ai propri figli, giocare con gli amici e, soprattutto, riconquistare il cuore della moglie, ferito da un tradimento inaspettato. Cento giorni per scoprire che la vita è buffa e ti sorprende sempre. Cento giorni nei quali Lucio decide di impegnarsi nella cosa più difficile di tutte: essere felice. Perché, come scriveva Nicolas de Chamfort, «la piú perduta delle giornate è quella in cui non si è riso».


Voi quale libro mi consigliereste, invece? Chissà se riuscirete a darmi un titolo che riesca a far scoppiare in lacrime una "cuordipietra" come me!! ;-)

20 commenti:

  1. Non lo conoscevo, ma leggendo la trama, oltre ad avermi incuriosito, mi ha già fatto venire un po' di magone. Io cerco di evitare libri con animali come protagonisti, perché so già che finire i per piangere.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh Diana, anche io con i libri di animali la finisco sempre commossa! Infatti non ho ancora mai letto Io e Marley perché troppo provata dal film!

      Elimina
  2. Nemmeno io sono una sentimentale, ma direi Mendel dei libri di Stefan Zweig.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo leggerò sicuramente, è già la seconda volta che lo nomini e mi hai proprio incuriosito!

      Elimina
  3. Ho letto "Cento giorni di felicità" e devo confessare che ho pianto travolta dalle intense emozioni che la storia trasmette. Se ti va di leggere una storia altrettanto emozionante, intensa, dolorosa, ti consiglio "Ciò Che Inferno Non E'" di Alessandro D'Avenia :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai Aquila, che probabilmente ho scoperto questo libro proprio grazie a te e alla tua recensione??? Quindi ti ringrazio e ascolterò sicuramente il tuo consiglio per quanto riguarda D'Avenia, il suo Bianca come il latte.... l'avevo mollato a metà lettura, ma sicuramente con quest'altro andrà meglio!!

      Elimina
  4. io sono una gran frignona e adoro piangere!

    Io prima di te non fa solo piangere, fa stare male!

    accolgo il tuo suggerimento ovviamente, già con il fazzoletto in mano

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha brava Fede!!! Anche io ho letto Io prima di te e ti dirò che, nonostante la drammaticità, il finale scelto da Jojo Moyes è stato quello giusto!

      Elimina
  5. Non conoscevo questo libro, ma ora lo terrò presente :)
    Hmmm... un libro che mi ha fatto piangere... direi Saint Olivia di Jacqueline Carey... di solito non piango, ma quel libro mi aveva ridotto come una fontana :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh! Allora me lo segno sicuramente! Vedremo che combinerà con me! ;-)

      Elimina
  6. TI RICORDI, SPRITE? di Mark Levin
    ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Roby, vado a informarmi su questo libro!!

      Elimina
  7. Anche a me è piaciuto tanto Brizzi..davvero commovente.. :°)
    Se vuoi piangere ancora...beh io ti consiglio Murakami, con Norwegian Wood. Sempre che tu non l'abbia già letto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho ancora letto Murakami, a parte qualche brano trovato qua e là, perciò ti ringrazio del consiglio!! ^_^

      Elimina
  8. Pure io sono una che non piange, ql massimo mi si lucidano gli occhi, e mi capita di rado con i libri (infatti non saprei che consigliarti), e più spesso con i film e la musica ^^ Sarò sincera però, Cento giorni di felicità non mi ispira >-<

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Rosa, anche a te ti chiamano "cuore di pietra"?? Se non ti ispira allora non prenderlo ancora in considerazione, potrebbe risultarti antipatico. Se poi in futuro cambierai idea e lo vorrai leggere mi farai sapere!! :-*

      Elimina
  9. da me c'è una cosettina per te :)

    RispondiElimina
  10. Oddio, io sono una persona cattiva e insensibile, quindi è raro che io pianga..però con L'estate dei segreti perduti non sono riuscita a trattenermi!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahaha Giusy-Grinch!! XD
      Ho anche io quel romanzo ma non l'ho ancora letto, ora che me lo hai ricordato cercherò di trovarle un posticino!! ;-)

      Elimina

Grazie per aver letto fino a qui! Se mi lasci un commento sarò felicissima di leggerlo ^_^

Post simili:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...