sabato 24 gennaio 2015

Doctor Sleep - Stephen King




Trama:                          

Perseguitato dalle visioni provocate dallo shining, la luccicanza, il dono maledetto con il quale è nato, e dai fantasmi dei vecchi ospiti dell'Overlook Hotel dove ha trascorso un terribile inverno da bambino, Dan ha continuato a vagabondare per decenni. Una disperata vita on the road per liberarsi da un'eredità paterna fatta di alcolismo, violenza e depressione. Oggi, finalmente, è riuscito a mettere radici in una piccola città del New Hampshire, dove ha trovato un gruppo di amici in grado di aiutarlo e un lavoro nell'ospizio in cui quel che resta della sua luccicanza regala agli anziani pazienti l'indispensabile conforto finale. Aiutato da un gatto capace di prevedere il futuro, Torrance diventa Doctor Sleep, il Dottor Sonno. Poi Dan incontra l'evanescente Abra Stone, il cui incredibile dono, la luccicanza più abbagliante di tutti i tempi, riporta in vita i demoni di Dan e lo spinge a ingaggiare una poderosa battaglia per salvare l'esistenza e l'anima della ragazzina. Sulle superstrade d'America, infatti, i membri del Vero Nodo viaggiano in cerca di cibo. Hanno un aspetto inoffensivo: non più giovani, indossano abiti dimessi e sono perennemente in viaggio sui loro camper scassati. Ma come intuisce Dan Torrance, e come imparerà presto a sue spese la piccola Abra, si tratta in realtà di esseri quasi immortali che si nutrono proprio del calore dello shining. Uno scontro epico tra il bene e il male, una storia agghiacciante e meravigliosa, un ritorno al fantastico e all'horror dei primi lavori di King. Doctor Sleep inquieta e fa paura, ma soprattutto commuove ed emoziona.


                                                  


Stephen King ci ha fatto un grande regalo, che sicuramente qualunque lettore di horror apprezzerebbe: ci ha raccontato come la vita dei sopravvissuti a un'esperienza terribile sia proseguita, e di come la psiche umana abbia tentato di venire a patti con il trauma.
Ho letto il romanzo Shining parecchi anni fa, e ricordo quanta tenerezza e quanta pena mi avesse fatto questo piccolo bimbo di soli quattro anni che aveva dovuto fronteggiare un padre violento e "posseduto" e un numero non ben precisato di spiriti e cadaveri redivivi che intendevano fargli del male.
Ok, il lieto fine c'è stato, il terribile albergo Overlook è stato raso al suolo, ma la vita di Danny e di sua madre Wendy non è stata certo serena e felice: come spessissimo capita, il piccolo Dan, crescendo, ha ceduto al terribile vizio del padre, l'alcolismo, l'unico espediente che riusciva a mettere a tacere la "luccicanza", la sua personalissima maledizione di vedere persone morte o sentire i pensieri di chi aveva vicino.
Ma una volta toccato il fondo non si può che risalire: ed è quello che farà Dan, trovando aiuto negli Alcolisti Anonimi e scoprendo che con il suo potere può aiutare le persone nel trapasso da una vita all'altra.


La cover polacca ,la rumena,
un'edizione limitata americana e quella slovacca


Ho apprezzato tantissimo la costruzione di questo romanzo, in particolare il continuo riferimento al libro precedente senza che questo risultasse forzato o ripetitivo.

La vita è un cerchio, e si ritorna sempre al punto di partenza, e anche in questa nuova avventura non si poteva non tornare al luogo dove anni prima sorgeva l'Overlook Hotel!



" Life was a wheel, it’s only job was to turn, and it always came back to where it had started."











Dan è un personaggio che evolve, e che riesce a trovare un senso alla propria esistenza, grazie anche alla richiesta di aiuto di un'altra persona dotata di una "luccicanza" straordinaria, la giovanissima Abra, appena tredicenne, ma che lui aveva captato già una decina di anni prima, o meglio era stata lei a "trovare" lui.
Il loro legame è fortissimo e la fiducia nelle capacità dell'altro sono incrollabili e sarà proprio questo a renderli vittoriosi di fronte a un terribile pericolo.

I cattivi questa volta sono un gruppo di camperisti apparentemente di mezza età, capitanati da una splendida donna che porta sempre un cilindro sul capo. Spietata, sensuale e potentissima, non si fa alcun problema a torturare a morte i ragazzini provvisti del "vapore", vitale per la sopravvivenza di Rose e dei suoi compagni. La sua descrizione l'ho trovata molto affascinante, come quella dei suoi compagni d'avventura, e il suo carattere così forte e sprezzante nei confronti dei "bifolchi" sarà il suo tallone d'Achille.








America is a living body, the highways are it’s arteries, and the True Knot slips along them like a silent virus.




Insomma, se proprio dovessi trovare un difetto a questo libro è che non ho provato tantissima tensione temendo la sorte dei protagonisti: non c'è mai stato il vero pericolo che la piccola Abra fosse sconfitta, ma nonostante questo non sono mai riuscita a staccare gli occhi dalle pagine finché non l'ho terminato.
 Il RE si riconferma un grandissimo maestro della narrativa, e non ci fa rimpiangere le sue opere passate (considerando che Shining è stato pubblicato per la prima volta nel 1977!)

12 commenti:

  1. Aaaaw, che bellissima recensione!
    Ho adorato Shining, l'ho letto circa due anni fa e me ne sono completamente innamorata. Doctor Sleep l'ho comprato non appena è uscito, ma non ho ancora avuto modo di leggerlo ç_ç

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mel!!! Leggilo presto, di moda da aver fresca la memoria del precedente, io l'ho letto parecchi anni fa e qualche dettaglio sicuramente non lo ricordo più e mi son persa qualche parallelismo tra i due!!
      ^_^

      Elimina
  2. Bella recensione ^^ l'unica cosa che mi frena nel leggere questo libro è che non ho amato particolarmente Shining (uno dei casi dove, imho, il film è migliore) e ho sentito dire che era più bello del seguito #_#

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmm sì, anche secondo me il primo è decisamente migliore, ma è sempre tutto soggettivo: magari a te potrebbe piacere di più quest'ultimo, chi lo sa...
      ;-)

      Elimina
  3. Purtroppo, non è mi è piaciuto... anch'io avevo amato il bimbo Danny, protagonista di "Shining", ma ritrovarlo in "Doctor Sleep"... diciamo che non si è rivelato emozionante o sorprendente quanto mi aspettavo, ecco! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, emozionante non è l'aggettivo più adatto, credo che vadano meglio termini come "coerente" e "accurato": io l'ho apprezzato proprio per quello, ma se avessi cercato le stesse emozioni del primo libro, o se volessi restare sveglia la notte per l'angoscia, sarei rimasta sicuramente delusa!!

      Elimina
  4. Letto anche io questa estate! Mi è piaciuto molto, davvero tanto. Molte persone ho letto che non hanno apprezzato il fatto che King abbia rimesso mano a una sua storia così "vecchia" ma a parer mio è stata una scelta vincente.
    Bella recensione!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Sono d'accordo con te, ha avuto fegato a riprendere una storia tanto celebre, ed è riuscito anche ad evitare una scopiazzatura del precedente, scrivendo una storia nuova!! Un po' mi è spiaciuto per Rose Cilindro, era un personaggio molto intrigante!

      Elimina
  5. Ciao Ele! Io invece Shining non ho ancora avuto modo di leggerlo, e la storia la conosco solo per il film (che tra l'altro non ho mai capito fino in fondo u.u)... ma sarebbe bello leggere un seguito pubblicato più di 30 anni dopo!
    Ah, ma quanto è mitica la cover rumena!!! *e*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Siii la cover rumena è la mia preferita!! Effettivamente il film di Kubric lascia molto di non detto, ma leggendo il romanzo, per quanto film e libro siano diversi, cogli qualcosa in più!

      Elimina
  6. Bella recensione! Sai già quello che penso!! ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Praticamente la pensiamo allo stesso modo ;) ♥♥♥

      Elimina

Grazie per aver letto fino a qui! Se mi lasci un commento sarò felicissima di leggerlo ^_^

Post simili:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...