venerdì 24 ottobre 2014

I bambini del Crepuscolo - Torbjorn Overland Amundsen

Pagine: 504
Casa Editrice : Salani Editore
Data di pubblicazione: 22.05.2014
Prezzo: 16,90 €
Sono solo quattrocentoventuno in tutto il mondo. Nascono, vivono, muoiono e si reincarnano nel corpo di bambini. Sono incredibilmente intelligenti, ma non possono diventare adulti.
Domani, come sempre, Arthur morirà e si sveglierà nel corpo di un neonato da qualche parte nel mondo. Ha un’intelligenza e una memoria prodigiose e ha accumulato un sapere smisurato in settemila anni di reincarnazioni. È uno dei ‘Bambini’, individui che non diventano mai adulti, ma migrano da un corpo all’altro ogni quattordici anni. Sono sparsi in tutto il pianeta e comunicano attraverso un network segreto e altamente tecnologico. Il loro sapere è custodito in una biblioteca che raccoglie decine di migliaia di libri e si trova in un luogo segreto a Parigi. Nathaniel, un brillante studente universitario americano, ha elaborato un algoritmo che permette di individuare i Bambini, e da ora in poi la sua vita non sarà mai più la stessa. Ben presto, infatti, si trova catapultato insieme ad Arthur dalla Norvegia a Parigi, dal Galles al Parco di Yellowstone, per cercare di fermare Paolo, un Bambino capace di un odio divorante e deciso a distruggere il mondo. Un grande intreccio, a metà fra il thriller e il mondo fantastico della tradizione del Nord Europa.


Una trama interessantissima!




Però...c'è un problema: questa è una recensione difficile da scrivere, perché questo libro mi stava piacendo davvero tanto!
Iniziamo dall'idea di fondo, degli individui che vivono sulla Terra da migliaia di anni e che al compimento dei 14 anni muoiono per rinascere in un altro posto del mondo; fantastico, no? Chissà quante epoche hanno vissuto, quante religioni, quanti conflitti e quanti splendidi avvenimenti hanno visto!
Quasi quasi avrei preferito che la parte thriller neanche ci fosse, perché imbastire una vicenda ad alto tasso di suspence, con rapimenti, bombe, sparatorie e torture e poi non sapere come dargli una degna fine è al limite del criminale!!! 
Sì, perché la vera pecca di questo romanzo è proprio il finale! Una conclusione affrettata, astrusa e che lascia in sospeso la maggior parte degli interrogativi che il lettore si pone durante la lettura.

Un vero peccato, in quanto i personaggi erano interessanti e ben delineati, qualcuno più "fantasioso" del dovuto, ma tutti originali e profondi!

Il mio voto, data la discesa vertiginosa verso lo scadente a fine romanzo sarà perciò di un 
4,5 su 10

12 commenti:

  1. Che peccato quando un romanzo parte bene, dalla sinossi è interessantissimo e poi... ha un finale che delude u.u uff...

    RispondiElimina
  2. Non lo conoscevo! Ma non so se lo leggerò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mmm non mi sento proprio di consigliartelo...Al massimo se ti capita di vederlo in bibioteca, ma giusto per la prima metà del libro, che merita!

      Elimina
  3. Ahi, che gran peccato... E dire che, a quanto sembra, era partito così bene! :(
    Mi sa che dovrà aspettare ancora per taanto tempo sugli scaffali delle librerie delle mie parti, prima che mi decida a prenderlo! :P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un vero peccato! Speravo quasi che il mio ebook avesse qualche capitolo mancante! :(
      Al massimo ti posso consigliare di prenderlo in prestito in biblioteca, ma sai a cosa vai incontro! :P

      Elimina
  4. è proprio un peccato quando gli autori affrettano il finale...uccidono una storia senza rendersene conto! :(

    RispondiElimina
  5. Non conoscevo questo libro, ma sicuramente ha una trama interessantissima! Peccato ti abbia deluso! Io me lo segno, sono curiosa *_*

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Guarda, fino a tre quarti del libro non ha nulla di negativo, è comunque una bella lettura! Ed è forse proprio per quello che mi fa così arrabbiare che sia finito così :(

      Elimina
  6. L'avevo già adocchiato perché ha una trama parecchio interessante, ma credo che per ora aspetterò ad andarmelo a cercare... il finale è importantissimo e se non è degno del libro è un vero peccato :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sii, ancora non mi capacito dell'inspiegabile caduta a picco della bravura dell'autore :( Poteva essere uno dei libri migliori letti quest'anno, immagina un po' come ci sono rimasta male!!!

      Elimina

Grazie per aver letto fino a qui! Se mi lasci un commento sarò felicissima di leggerlo ^_^

Post simili:

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...